Carlin & Associates

SERVIZI AVANZATI PER L'IMPRESA GLOBALE

In questa sezione sono riportate le domande più comuni che la nostra clientela ci ha rivolto prima dell'inizio della collaborazione o durante l'esecuzione delle attività concordate. Riteniamo che possano essere utili per meglio comprendere chi è e come opera C&A, e suggeriamo all'imprenditore interessato ad avvalersi dei nostri servizi di leggere con grande attenzione quanto qui riportato perché vi troverà molte risposte alle sue domande e richieste iniziali. Le FAQ vengono periodicamente aggiornate.

UTILIZZARE I SERVIZI DI C&A SIGNIFICA AVVALERSI DI UN PARTNER DI CUI POTETE FIDARVI, PERCHE' E' UN IMPRENDITORE COME VOI

1) Quali caratteristiche deve possedere un progetto imprenditoriale di startup per poter essere valutato da C&A e eventualmente essere da essa supportato?

C&A valuta qualunque tipo di progetto di investimento, relativo a prodotti o tecnologie, appartenente a qualunque settore merceologico. E' necessario che quanto proposto possegga interessanti caratteristiche di innovazione, o peculiarità tali da poterne intravedere potenzialità industriali o commerciali sufficienti a giustificarne l'investimento da parte di terzi. C&A farà un'immediata valutazione preliminare, sia tecnica che commerciale, per capirne meglio le possibilità e solo in base ad un esito positivo sarà in grado di confermare la sua disponibilità a gestire il progetto proposto.

 

2) Come si interfaccia C&A con l'imprenditore?

Il rapporto tra C&A e imprenditore è naturalmente basato su presupposti professionali che sono ben conosciuti e di uso comune per chiunque faccia questo mestiere. Va tuttavia risaltato il fatto che C&A non accetta incarichi dove tale rapporto non sia basato anche su una stima e fiducia reciproca assoluti. Questo aspetto è meno banale di quel che può sembrare: le risorse umane e strutture operative di C&A sono limitate in quanto C&A non è al livello strutturale delle ben note multinazionali della consulenza, e deve dosare con attenzione le proprie risorse solo su progetti in cui crede fermamente e dove esiste un rapporto sincero e leale con l'imprenditore, per determinazione, sinergia di vedute e di strategia, flessibilità operativa, disponibilità al dialogo e al confronto. Solo in questo modo, lavorando in un team dinamico e costruttivo, sarà possibile raggiungere gli obiettivi auspicati. Se non esistono questi presupposti, C&A preferisce non accettare l'incarico.

 

3) Come si interfaccia C&A con gli attuali professionisti e consulenti dell'imprenditore?

L'attività consulenziale di C&A è parallela e sinergica con il supporto attualmente fornito all'impresa da parte di commercialisti o legali. Infatti, C&A costruisce progetti imprenditoriali e li supporta operativamente, ma non può sostituirsi come competenze e professionalità specifica al commercialista per quanto riguarda gli aspetti fiscali o al legale per gli aspetti giuridici. Anzi, C&A auspica che si instauri un rapporto collaborativo e di condivisione delle strategie, per il bene dell'azienda o dell'idea da costruire. Qualunque strategia aziendale, sia essa di consolidamento oppure di sviluppo e espansione, deve essere approvata da tutte le componenti professionali competenti.

 

4) In che modo C&A "progetta e costruisce" una nuova iniziativa industriale?

Generalmente C&A riceve moltissime richieste di valutazione, in tutti i settori. Chiaramente C&A non è in grado di fornire i propri servizi a tutte, sia per motivi di dimensionamento della propria struttura, sia perché molti di questi progetti non superano la prima fase valutativa di fattibilità. Di solito le tipologie di progetto sono presentate da due categorie di promotori: l'azienda già avviata che intende sviluppare nuove attività, oppure il neo imprenditore che ha un'idea che ritiene essere di grande potenziale, ma che va completamente strutturato e organizzato. Nel primo caso, è possibile lavorare sul progetto singolo perché esiste già una base solida e quindi è più semplice strutturare una strategia affidabile. Nel secondo caso, i progetti start-up davvero solidi e di grande potenziale che sono in grado di sostenersi da soli sono rari. Spesso l'idea è buona ma va inclusa in "scatole" dove all'interno ci sono altre idee che messe tutte assieme in modo sinergico (stesso settore, campo applicativo, base tecnologica, mercati di sbocco) fanno sì che l'investitore sia più invogliato a sostenerle trattandosi di una diversificazione del rischio e di una amplificazione delle possibilità di successo. C&A è particolarmente esperta nel trovare le sinergie giuste e i punti di contatto ideali in questo tipo di situazioni.

 

5) Quale tipo di accordo utilizza C&A per fornire i propri servizi?

C&A propone un accordo di consulenza molto semplice, che può essere esclusivo in caso di particolari esigenze dell'imprenditore. Il contratto è in italiano, soggetto alla legge italiana sia per gli aspetti normativi che fiscali, e ha una durata variabile (di solito da 4 mesi per attività di predisposizione BP e contatto investitori, sino a un anno rinnovabile per attività M&A e agenzia commerciale). Il contratto è rescindibile in qualunque momento, con un brevissimo preavviso e senza penali per il Cliente.

 

6) Come viene remunerato il servizio di C&A?

C&A fornisce alla sua clientela un range di servizi molto ampio, più di 50 tipologie diverse. Per ogni servizio sono stabiliti due tipologie di costo: uno "fisso" all'attivazione della collaborazione e uno a "successo". Il primo è importante perché attiva il rapporto contrattuale e consulenziale, lega responsabilmente le parti e obbliga C&A a considerare il cliente appena acquisito con la stessa priorità della clientela per la quale sta già lavorando. Per ultimo, l'acconto costringe il Cliente a seguire il lavoro da svolgere con C&A con celerità e costanza, fatto non sempre scontato. Di fatto il primo pagamento, peraltro di entità molto limitata se rapportato alla mole iniziale di lavoro espressa, copre esclusivamente i costi vivi di C&A ed è imprescindibile: C&A infatti non attiva rapporti consulenziali con nessun Cliente che non sia disponibile a fare questo piccolo investimento iniziale. Invece, l'utile vero di C&A consiste nel raggiungimento degli obiettivi finali concordati con l'imprenditore, per i quali è prevista una commissione da concordare e pagabile solo all'effettivo ottenimento di quanto stabilito. D'altra parte, anche C&A effettua un investimento sul Cliente, in quanto oltre ad impegnare le proprie risorse professionali, C&A "mette la faccia" e la propria reputazione a sostegno del progetto che sta gestendo.

 

7) Quale è la "practice" operativa di C&A dopo la firma dell'accordo di consulenza?

Contestualmente alla firma dell'accordo di consulenza e alla sua attivazione con il pagamento dell'acconto, entro pochi giorni viene organizzato il primo incontro presso la sede del Cliente per il "kick-off meeting". Questo meeting è molto importante per concordare le cose da fare, condividere le procedure, acquisire le informazioni e la documentazione necessaria, visitare l'azienda e, per C&A, iniziare ad "impararne" le sue caratteristiche salienti. Lo stesso vale se invece di un'azienda l'oggetto di lavoro riguarda un specifico prodotto o tecnologia. Successivamente inizia un dialogo costante e continuo tra C&A e imprenditore, quasi quotidiano, non solo sullo stato di avanzamento del lavoro ma anche perché C&A è sempre a disposizione per affiancare e consigliare l'impresa su qualunque aspetto operativo collaterale e contingente. Generalmente, in funzione della complessità del progetto, già dopo qualche settimana C&A è in grado di presentare i primi risultati del proprio lavoro, per essere discussi e riesaminati con l'imprenditore. Oltre a questo, C&A provvede ad informare immediatamente il suo network internazionale di professionisti affinché sappiano del nuovo Cliente e della sua offerta, e propongano in tempi brevi le possibili opportunità di business nei Paesi di loro competenza.

 

8) Quali sono e come operano le controparti o partners di investimento di C&A nelle operazioni M&A?

C&A mantiene contatti costanti con molte realtà nazionali ed internazionali nel settore degli investimenti industriali, alle quali propone periodicamente le migliori e selezionate opportunità di cui dispone. Queste realtà sono Fondi di Investimento, imprenditori internazionali che dedicano parte dei loro capitali a investimenti diretti, operatori finanziari e merchant banks. Dopo aver elaborato il progetto da proporre secondo i requisiti richiesti, C&A individua quali sono le corrette e potenziali controparti di investimento e invia loro l'Investor Memorandum. In caso di interesse, per l'ottenimento formale del quale occorrono in genere circa 30/40 giorni, si passa alla fase successiva, cioè l'invio del Business Plan che viene poi illustrato in dettaglio con meetings specifici. Obiettivo è arrivare alla stesura di una lettera di intenti (LOI) dove l'investitore e l'impresa iniziano a formalizzare le linee guida della loro potenziale partnership, secondo condizioni e tempistiche condivise. Durante il periodo di validità della LOI, di solito 3 mesi, vengono eseguite tutte le attività previste di diligence approfondita e sono preparati i documenti ufficiali per la formalizzazione dell'intervento e delle successive attività. C&A supervisiona tutte queste fasi, fino al compimento finale della negoziazione.

 

9) Quali garanzie ha l'impresa di vedersi approvato il suo progetto dall'investitore?

Nessuna. L'imprenditore deve essere consapevole che quanto spende per avvalersi dei servizi C&A rientra nel piano di investimenti della sua azienda per farla crescere e migliorare. Il lavoro svolto da C&A, qualunque esso sia, lascia sempre dei fatti concreti e durevoli, indipendentemente dall'ottenimento del successo pieno. L'impresa ha invece garantito che C&A, una volta accettato l'incarico, farà il 100% per raggiungere il traguardo, utilizzando tutte le sue capacità, ma la decisione finale in tema di investimenti è sempre in mano all'investitore che agisce in modo indipendente e autonomo. Tale decisione può essere influenzata da molti fattori e variabili (oscillazioni di mercato, situazioni socio-politiche internazionali, presenza di aziende, prodotti o tecnologie competitors che rendono il progetto non solido, etc.) delle quali C&A non può averne il controllo.

FAQ - DOMANDE FREQUENTI

ENGLISH - 中國                        CHI SIAMO      TEAM     SERVIZI      INVESTIMENTI      TRADING     NEWS     DOWNLOAD      FAQ      REFERENZE     CONTATTI                       русский - العربية

Carlin & Associates Srl - 2015 All Rights Reserved - Disclaimer - VAT 05014320286 - info@carlinassociates.com - webdesign by C&A